E’ molto tardi e tutti dormono. Ho finito di preparare le valigie, o quasi. So che dovrei andare a letto, ma non riesco a farlo se prima non vi parlo dell’ultimo libro che ho letto e che ho finito proprio oggi.

Non è una lettura facile, ma non perché sia difficile, ma perché è una lettura che richiede silenzio interiore, concentrazione ma soprattutto distacco da ciò che è disordine, squilibrio e disarmonia.

Pinkola Estés è una psicologa che parla di femminile al femminile.

“Storie di donne selvagge” è una raccolta di cinque racconti, storie, favole.

Pinkola Estés, autrice di “Donne che corrono con i lupi”, esprime con chiarezza e umanità l’importanza del ruolo dell’anima femminile, ricordando a tutte noi perché siamo come siamo e quanta forza c’è nella pancia di una donna e nella sua passione per la vita.

La Pinkola Estés ci ricorda che “la superficie dell’anima può essere intaccata, scalfita o scottata, ma è destinata a rigenerarsi. La superficie dell’anima ritorna sempre intatta.”

Vorrei riportare un brano che ho sottolineato interamente, che mi ha emozionato e commosso. Lascio parlare lei.

 

Ascolta mia cara,
non sottovalutare mai la resistenza di una vecchia saggia. La vita può dilaniarla o trattarla ingiustamente, ma lei possiede un’altra anima, un’anima primaria, fulgida e incorruttibile sotto l’anima assediata, un’anima luminosa che rimane sempre intatta. Sotto il soprabito certamente nasconde ali lunghe sei metri, e nella sua grande tasca un’intera foresta ripiegata. Sotto il letto potrebbe tenere pantofole delle sette leghe in lamé dorato. E, attraverso le lenti dei suoi occhiali, vedrà quasi tutto ciò che può essere visto. Il tappetino davanti al fuoco potrebbe davvero spiccare il volo da un momento all’altro. E il suo scialle, una volta aperto, potrebbe adunare i segugi dell’inferno e accendere la più stellata delle notti. Ridacchia solcando le onde dei cieli nella metà di guscio del suo cuore infranto. Le piume sollevate, perché ogni giorno impara l’amore. E’ rapita da qualunque alito di musica. Si prodiga per proteggere l’anima di qualsiasi cosa. Gli uccelli canori le raccontano storie segrete; così ha ‘l’occhio magico’ che vede oltre e dietro il presente. Come la sua controparte umana, molto probabilmente vive sulle rive di un fiume a lei caro… oppure, semplicemente, è lei stessa un fiume.”

A tutte le donne che vogliono conoscere di più sé stesse, che vogliono tuffarsi nell’anima femminile e vivere l’esperienza della rinascita, della crescita, della consapevolezza, consiglio di leggere Clarissa Pinkola Estés. Probabilmente non vi cambierà la vita, ma di certo dopo non sarete più le stesse di prima.

Buona notte a tutte le lettrici!!

(ringrazio una cara amica che mi ha dato la possibilità di conoscere questa splendida autrice attraverso i suoi libri)