L’ora del tè; chiacchierando in salotto con Federica Bartolozzi

Siamo arrivati alla quinta puntata de L’ora del tè. La prossima ospite è un’autrice toscana che esercita un mestiere molto particolare; quando penso a lei la immagino inginocchiata nella terra, curva, con i guanti e piena di polvere. No, non fa la contadina, ma l’archeologa medievalista. Ed è molto simpatica, carina e spiritosa. L’ho conosciuta un paio di mesi fa e ne ho subito apprezzato lo spirito gioviale e la solarità.
La accogliamo nel mio salotto e cominciamo a parlare con lei.

Federica Bartolozzi, questo è il suo nome, ha pubblicato un romanzo storico dal titolo Una scomoda memoria, per Antonio Tombolini Editore. Collana Klondike.

Benvenuta Federica, è un piacere averti nel mio salotto. Che ne dici se prima di iniziare la nostra chiacchierata prepariamo un po’ di tè? Ho anche dei biscotti fatti in casa; è una ricetta di mio papà!
Il piacere è tutto mio, è un onore poter sedere nel tuo salotto. Mi hai letto nel pensiero. Adoro tè verde e biscotti fatti in casa; ne ho sentito il gustoso profumino appena entrata e so già che te ne chiederò la ricetta.

A questo punto, se sei pronta, possiamo iniziare. Vado con le cinque domande brevi?
Prontissima, almeno credo…!

A che età hai iniziato a scrivere?
Da quando ho “imparato” a scrivere. Mi spiego: dal diario segreto in poi, la mia penna mi ha sempre seguita.

Quali sono, se ne hai, le tue manie quando scrivi?
Nella gestione del quotidiano ne ho quante vuoi; mi danno sicurezza e mi costringono ad essere più ordinata, più attenta. Quando scrivo però, a pensarci bene non ne ho; forse perché mi sento veramente libera e sicura di me.

 Il luogo in cui preferisci ambientare le tue storie?
Adoro le locations piene di storia stratificata che siano grandi città, piccoli borghi nella campagna o isolette in mezzo al mare. Una cosa è certa: devo conoscere palmo a palmo il luogo che fa da sfondo alla mia narrazione, anche se fisicamente non ci sono mai stata! Nel momento in cui ne scrivo, io mi trovo lì.

 Il libro più bello che hai letto?
Di libri belli ne ho letti tanti, ma uno di questi ha orientato le mie scelte di vita: “La scoperta di Troia” di Heinrich Schliemann, letto quando avevo dodici anni.

 Il luogo più strano in cui scrivi?
Migro continuamente con il mio PC sotto braccio e tutti i miei appunti. L’importante è che ci siano la giusta atmosfera, la giusta ispirazione e che io sia sola. Esigo un rapporto esclusivo con il mio libro… ovviamente finché è in fase di stesura!fede2

Bene, Federica! Direi che abbiamo iniziato alla grande.
Prima di cominciare la nostra chiacchierata ti svelerò un segreto. Quando frequentavo le scuole medie, alla domanda “cosa farai da grande” rispondevo “l’archeologa”. C’era un mistero particolare nei resti delle antiche città, nelle tombe dei faraoni, nella storia che leggevo sui libri e immaginavo di dover rivelare al mondo. Non so per quale motivo questo amore per l’archeologia che ancora oggi provo non abbia avuto sfogo e la vita mi abbia portato altrove, ma ti assicuro che è un’emozione per me oggi chiacchierare con un’archeologa in carne ed ossa. Quindi intanto grazie!
Veniamo a noi.
“La scoperta di Troia” di Heinrich Schliemann, importante archeologo tedesco, ha segnato la tua vita professionale. Ce ne vuoi parlare? Ci racconti un po’, se ti va, di cosa ti occupi?
Grazie a te Roberta per questa bella opportunità di condividere un po’ di storia personale. Tendo ad essere caratterialmente schiva e quando ho deciso di scrivere, l’ho fatto con il nome di FG Bart (l’altra me!).
È ovvio però che in ciò che scrivo vadano ad influire la mia formazione, il mio amore per le civiltà passate e per la storia in genere.
Nelle mie scelte professionali ho semplicemente assecondato lo stesso impulso, o inclinazione che dir si voglia, come hai ben descritto nella tua domanda. Sono laureata in Lettere e specializzata in Archeologia medievale, prediligendo quindi un’epoca diversa da quella dell’archeologia cosiddetta classica (latina, greca, orientale) che, fino agli anni novanta, era stata predominante. La mia attività è molto varia: prendo parte a campagne di scavo con gruppi italiani ed inglesi, sul territorio nazionale e non. Un lavoro di cui vado particolarmente fiera è la ricostruzione topografica della Verona altomedievale eseguita basandomi sul confronto delle fonti scritte, storiche, iconografiche e di scavo. Mi ha impegnata per lungo tempo al fianco di persone fantastiche delle quali leggevo sui miei libri di testo e che adesso sono colleghi ed amici. Pensa che una copia di questo studio viene conservata nella Biblioteca Capitolare di Verona, una delle biblioteche più antiche e affascinanti al mondo. Queste, per me, sono soddisfazioni.
Ma ora mi zittisco, sono già diventata noiosissima; FG Bart, te lo assicuro, è più divertente!

Mi hai dato il la per la seconda domanda. Poi, fra poco, parleremo anche di Una scomoda memoria. Visto che FG Bart come dici tu è più divertente, parliamo un po’ con lei.
Come mai hai deciso di pubblicare il tuo romanzo usando uno pseudonimo anziché il tuo vero nome? Di solito lo si fa per non essere riconosciuti oppure per incrementare le vendite ma nel tuo caso credo non siano questi i motivi della scelta. Ce ne vuoi parlare? Ti capita mai di pensare in un modo quando sei Federica e in un altro totalmente opposto quando indossi gli abiti di FG Bart? È una domanda un po’ forte e forse anche folle, vorrei portela perché a me capita e sono curiosa di sapere se di pazzi come me ce ne sono in giro altri! Senza offesa ovviamente, Fede, io considero la pazzia una fantastica normalità e credo sia un po’ la condizione di normalità degli stessi scrittori: senza un po’ di follia non esisterebbero la scrittura, l’arte… non credi?
Certo che lo credo; lo condivido nel modo più assoluto.
Ebbene, ti farò parlare con quella più spavalda e con più “self confidence” tra le due!
L’idea di utilizzare uno pseudonimo è venuta dalla volontà di abbreviare un nome lungo. FG Bart è corto, si ricorda facilmente, è internazionale e soprattutto è privo di genere. Sì, hai capito bene, né femminile né maschile, unisex insomma. Mi piace l’idea di una scrittura affrancata dal genere, sia dell’autore che del lettore.
Dopodiché, si può dire che ci ho preso gusto e mi sono accorta che “in incognito” scrivevo più liberamente, funzionava; la mia fantasia non aveva limiti. Intendiamoci, la base storica per me dev’essere ineccepibile, senza errori, ma la storia che andavo a creare, la “mia” storia, poteva essere finalmente inventata di sana pianta. Davo tutto lo spazio che volevo al connubio tra l’amore per le origini, la storia e la ricerca uniti alla mia sete di scoperta e al fascino per il mistero e l’intrigo. Incastravo così i personaggi del romanzo tra gli eventi realmente accaduti, facendoli relazionare con personaggi realmente esistiti.
Forse, come FG Bart, ho semplicemente assecondato quell’attrazione mista a magia che si prova nel riportare alla luce ciò che il tempo e gli eventi hanno sepolto per tanto tempo.
Se i miei romanzi uscissero con il mio nome mi sentirei in colpa, mi sembrerebbe di fare un torto all’altra me (quella noiosa, prudente e scrupolosa!).
Sicuramente quando scrivo mi rilasso e mi diverto. Non ho freni se non quelli della coerenza allo svolgimento del racconto, del rispetto della grammatica e del buon gusto.
Come puoi facilmente dedurre fin qui, FG Bart dice, ma soprattutto scrive, cose diverse e talvolta opposte, da Federica; e quant’è spassoso…
Per noi scrittori, come per gli artisti in genere, un po’ di follia è genetica; altrimenti cosa ci spingerebbe a metterci così in gioco e talvolta a nudo? O mi sbaglio?
Ti dirò di più: mi piace anche pensare che nella follia degli artisti ci sia spesso un po’ di genio incompreso, come tanti esempi illustri ci ha consegnato proprio la storia. Ma non è certo il mio caso!

fede5

Certo è tutto molto affascinante. A partire dalla ricerca delle fonti e delle informazioni fino a costruire un qualcosa che è vissuto, nel tuo immaginario, centinaia di anni fa. L’amore per la storia è qualcosa di totalizzante. O l’ami o la odi.
In Una scomoda memoria è evidente l’amore dell’autore (FG Bart) per la storia. Non c’è parola o frase che non sia stata studiata in maniera millimetrica e che renda il tutto molto credibile. Anche la fiction che ci hai imbastito sopra. Ecco la definirei così: una fiction giallo storica.
Mentre ti leggevo ho ammirato il notevole lavoro che hai fatto; oltre all’immenso impegno necessario quando si scrive un romanzo, tu hai dovuto gestire un surplus legato appunto all’analisi storica.
Ci racconti come svolgi le tue ricerche, a quali fonti ti riferisci per le tue indagini e quanto tempo hai impiegato per raccogliere le informazioni necessarie per scrivere Una scomoda memoria?
Ti ringrazio per le belle parole sul mio lavoro. Apprezzo molto il tuo parere e mi piace la definizione che hai dato di fiction giallo storica. Calza a pennello con ciò che ho inteso realizzare.
Terminato il mio gongolamento, ti confesso che a metà stesura di Una scomoda memoria mi era venuto un grande sconforto. Ho temuto davvero di non essere in grado di gestire, senza commettere errori madornali, l’intreccio di eventi e personaggi che spostavo da un posto all’altro e da un’epoca all’altra, facendo loro combinare le cose più incredibili.
Ho pensato di aver sbagliato a mettermi alla prova partendo da un romanzo e che, forse, avrei dovuto prendere in considerazione di scrivere prima dei racconti. Non penso affatto che il racconto sia più facile, beninteso, richiede sicuramente un ritmo rapido e incalzante che condensi la storia da raccontare ma, a mio parere, il romanzo è più complicato da gestire proprio per la sua lunghezza e distensione, soprattutto se si tratta di un romanzo storico.
Ormai però mi ero intestardita e volevo arrivare in fondo. Così, dopo un paio di mesi di blocco totale, durante i quali non rileggevo neppure ciò che avevo già scritto, sono ripartita, riordinando lavoro e idee con schede varie e la scrittura filava rapida; ti assicuro, pareva che improvvisamente sapessi dove andavano messe le tessere di un puzzle. Penso che leggendo il romanzo questa cosa si percepisca un po’, anche se nella stesura definitiva ho spostato all’inizio alcuni capitoli scritti nel secondo tempo.
Il lavoro di ricerca è avvenuto in contemporanea al romanzo. Per rispondere quindi alla tua domanda su quanto tempo abbia impiegato per raccogliere i dati necessari alla mia narrazione, ti rispondo che nella realtà non ho compiuto una ricerca prima di iniziare a scrivere, ma ho semplicemente cominciato utilizzando e rimettendo insieme nozioni che già possedevo, sopralluoghi fatti per lavoro, esperienze di viaggio personali, tanti libri (non dimenticare che sono un topo di biblioteca!), che andavo ad integrare, in contemporanea all’elaborazione del testo, con ricerche mirate ad arricchire la mia fiction. Ho posto molta attenzione a non gravare la narrazione con inutili e boriosi sfoggi di cultura (cosa che anche troppo spesso capita con i romanzi storici), ma limitando le citazioni e le descrizioni storiche solo per inquadrare e definire meglio il contesto.
È stato poi molto bello leggere, in svariate recensioni, che veniva apprezzata la coerenza e la precisione storica che fa da base al racconto ed è stata per me una splendida occasione per approfondire la conoscenza su più fronti.
Da quando è nata l’idea del libro all’autopubblicazione sulle principali piattaforme editoriali digitali sono passati circa dieci mesi di lavoro diciamo part-time.
Anche la collaborazione con la mia editor, che ne ha seguito la pubblicazione per la casa editrice, è stata una splendida esperienza, molto formativa.
Per quanto riguarda i luoghi dell’ambientazione ho optato, come si suol dire, per giocare in casa scegliendo per la maggior parte posti a me familiari (sottolineo ‘per la maggior parte’ dato che la compagnia, formata dai tre protagonisti, gira come una forsennata!).

fede1

Grazie Federica, se me lo consenti, riprendo alcune tue frasi per ampliare un po’ con te l’argomento scrittura: “lavoro di ricerca in contemporanea al romanzo”, “non gravare la narrazione con inutili e boriosi sfoggi di cultura”, “sono un topo di biblioteca”.
Artigianato! La scrittura è un’attività di puro a
rtigianato, sei d’accordo?
Io credo che tu ci abbia regalato alcuni spunti di riflessione importanti. Chi pensa di approcciarsi alla scrittura con leggerezza non ha capito che la leggerezza va applicata alle parole, al testo, non al lavoro che la scrittura richiede. Non esiste genere che sia semplice e tu l’hai espresso benissimo quando dici: “Non penso affatto che il racconto sia più facile”.
Scrivere con meno parole non significa “facile”. Scrivere senza essersi preparato diligentemente è l’errore più grande che uno scrittore possa commettere. Scrivere senza leggere atrofizza la narrazione lasciandola sterile e povera.
Quello che hai rappresentato è il profilo esatto dello scrittore. E “un paio di mesi di blocco totale” non significano non scrivere, anzi. Uno scrittore scrive anche non scrivendo.
La mia prossima domanda non è una domanda, vorrei un tuo parere su questa mia riflessione che ti ringrazio di avere sollecitata.
Condivido appieno il fatto di considerare la scrittura un’attività artigianale e ti confesso di non averci mai pensato prima in questi termini.
Il lavoro che sta dietro alla stesura di uno scritto, che si tratti di un articolo di giornale condensato in un numero predefinito di parole, o di un racconto, o un romanzo, o un saggio divulgativo o altro è sempre, e sottolineo sempre, il risultato di una lunga ed accurata attività di studio, di approfondimento, di ricerca e analisi sia per i contenuti che si vanno a comunicare, sia per la forma e lo stile con i quali si presentano. Leggere è certamente una parte fondamentale della preparazione. Tiene aperta e allenata la mente e fornisce prospettive di valutazione diverse. L’attività dello scrittore è manuale, personale ed avviene con l’ausilio di pochi semplici strumenti (la definizione “attrezzi” calzerebbe meglio con l’artigianato!).
Prima di pubblicare i propri scritti è bene che vengano letti ed esaminati da esperti, un occhio critico ed obbiettivo che permetta di avere un “prodotto” di qualità (come nell’artigianato d’altronde), questo è il fondamentale lavoro di un editore serio e professionale.
Ti confido una tenace sensazione che sto provando durante la stesura del secondo romanzo: adesso percepisco molto più imponente il peso della responsabilità di produrre un buon lavoro, che non deluda il mio editore ed i miei lettori, rispetto al primo romanzo che ho scritto di getto, senza pensare che qualcuno l’avrebbe mai letto!
Non dimentichiamo che la scrittura è la forma più durevole ed efficace per la trasmissione e conservazione della memoria, con la M maiuscola, e delle informazioni in genere. La scrittura resta, come gli antichi romani saggiamente sostenevano: “verba volant, scripta manent”!

fede4

La “cassetta degli attrezzi” dello scrittore, come la definisce Stephen King nel suo meraviglioso On Writing, è qualcosa di indispensabile, è ciò che tutti gli autori dovrebbero avere ed utilizzare.
«Per scrivere al meglio delle proprie capacità, è opportuno costruire la propria cassetta degli attrezzi e poi sviluppare i muscoli necessari a portarla con sé» dice King. Ed io credo proprio che sia così.
Siamo arrivate in fondo a questa avventura e ti pongo la mia ultima domanda.
Intanto in bocca al lupo per il tuo secondo romanzo che immagino sarà sempre un giallo storico.
Hai tutta la mia ammirazione!
Da quando hai cominciato a scrivere non hai mai pensato ad un genere diverso? Un rosa, noir, erotico, per ragazzi o narrativa in genere? Solitamente ogni autore ha un suo filone preferenziale. Tu rimani fedele al romanzo storico o ti lasci aperte alcune porte?
“Crepi il lupo!” (Povero lupo…) Grazie Roberta.
Per questo secondo romanzo è in corso una lenta gestazione, ma ce la farò!
Per rispondere alla tua domanda sul genere, ti posso dire che mi viene naturale ambientare le mie storie nel passato e amo il thriller, il giallo in generale. Per diletto leggo tendenzialmente romanzi gialli sia contemporanei che storici e nel caso di questi ultimi sono incontentabile: cambierei sempre qualcosa.
Forse è per questo che ho cominciato a scriverne io; mi sono detta: «Vediamo allora cosa sei in grado di fare tu!»
Quando però mi sentirò rodata a sufficienza chissà, mai dire mai…
Magari potrei ambientarne uno nel futuro; in casa avrei già due potenziali lettori!

Capisco cosa intendi, anche io ho avuto la tentazione di scrivere il libro che avrei voluto leggere e forse… l’ho anche scritto!
Grazie Federica per avermi dedicato il tuo tempo, tu sei l’ultima autrice che ospito nel mio salotto per il 2016. Con te chiudo l’anno e auguro a tutti i lettori un Natale ricco degli affetti più cari e un Capodanno pieno di bollicine. Vi aspetto nel 2017 per nuovi e interessanti appuntamenti con l’autore.
Ti ringrazio di cuore Federica e ti aspetto nuovamente nel mio salotto per parlare del tuo prossimo libro.

BUON NATALE A TUTTI E FELICE ANNO 2017.

 

2 Comments

  1. Grazie Roberta per farci conoscere nuove autrici e autori e dei consigli di lettura che esse/i e tu stessa ci regali tra le righe di queste interviste

Se quello che hai letto ti è piaciuto (oppure no) fammi conoscere la tua opinione. E torna a trovarmi ancora!

© 2017 Roberta Marcaccio

Theme by Anders NorenUp ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: