Qualche giorno fa ho ricevuto una mail da Extravergine d’autore, l’associazione che si occupa di  promuovere scrittori indipendenti, menzionandone le opere in una  vetrina di libri provenienti dal mondo del self publishing.

Ho conosciuto Extravergine d’autore grazie a un amico, incontrato sui social, un bravissimo autore, una di quelle persone che fanno la differenza. Mi consigliò di inviare il mio romanzo per una valutazione. Mi disse solo che Extravergine d’autore è l’unico portale che si occupa, dopo un’attenta valutazione critica, di menzionare i libri autoprodotti nella vetrina di qualità, con tanto di motivazione.

Anna in vetrina? Avresti detto di no a una occasione simile?

Spedii Ti raggiungo in Pakistan Extravergine d’autore e iniziai l’attesa, quello stato d’animo che ogni autore conosce molto bene. Attendere la risposta di un lettore, un editor, un editore è il momento più emozionante che, allo stesso tempo, riempie l’anima di inquietudine e mille domande: Piacerà? Sarà scelto? Riceverò una risposta positiva?

Grazie al mio amico per il consiglio e allo staff di Extravergine d’autore per tutto ciò che hanno fatto per il mio romanzo: la mia Anna ha conquistato un posto nella vetrina di qualità, con una bellissima motivazione che puoi leggere QUI.

Non mi resta che augurarti buona lettura e ricordarti che Ti raggiungo in Pakistan (che io chiamo affettuosamente “Anna”), disponibile in ebook e carta, si presta molto gentilmente come regalo di Natale, compleanno o semplicemente dono per qualsiasi occasione.

E se lo leggerai ricordati di lasciarmi una recensione!